Indietro La Stampa 1938, quando gli ebrei smisero di essere italiani 
Cerca Sezioni 17 lug
Vicino
Annuncio
05 feb 06:00

1938, quando gli ebrei smisero di essere italiani 

La Stampa
Quando scoprirono di non essere più italiani, l’imprenditore ebreo Ettore Ovazza e i suoi cari erano fascisti. Poi vennero le leggi razziali del 1938, l’obbligo di cedere la banca di famiglia, l’interdizione dalla professione. Nell’autunno del 1943 furono tutti massacrati dai nazisti sul Lago Maggiore. La storia degli Ovazza, tragicamente analoga a...
vai alla notizia
 Mi piace Rispondi
Annuncio

Commenti

Ancora nessun commento...
In Cima

Impostazioni di Data

Oggi è mercoledì 17 luglio 2019

+ 1 -
+ 1 -
+ 2016 -

Vicino

Utilizzando il nostro sito web, l'utente accetta l'uso dei cookie, come descritto nella nostra politica dei cookie.

Accetto

La Stampa

Vicino